fbpx

Dalla Pappa Reale un aiuto contro i sintomi della menopausa

Stampa
Visite: 248

Insieme al miele, le api la producono per nutrire la propria regina, ma noi la utilizziamo per numerose preparazioni. Stiamo parlando della pappa reale, un prodotto quasi “magico”, utilizzato in cucina, ma anche come rimedio di bellezza. E adesso, da questo cibo regale, potrebbe venire anche un aiuto contro alcuni sintomi legati alla menopausa, come irritabilità e vampate di calore.

Lo rileva una ricerca della Hormozgan University of Medical Sciences, in Iran. Pubblicata sulla rivista Complementary Therapies in Clinical Practice, ha scoperto che l’assunzione giornaliera di pappa reale è 4 volte più efficace nel contrastare i problemi della menopausa rispetto ad alcuni farmaci placebo.

La ricerca sulla pappa reale

Per 6 mesi i ricercatori hanno studiato 200 donne in menopausa, di età compresa tra i 45 e i 60 anni. Le partecipanti hanno quindi informato gli studiosi sulla gravità dei loro sintomi, dando loro un punteggio compreso tra zero e 44.

Quindi, gli scienziati hanno somministrato a metà delle donne mille milligrammi di capsule di pappa reale ogni giorno per 8 settimane. Alle restanti, invece, hanno somministrato un farmaco placebo.

I risultati hanno mostrato che il consumo giornaliero di pappa reale è risultato efficace per alleviare la severità dei sintomi della menopausa. Se infatti prima il punteggio legato alla gravità dei sintomi si attestava a 32, con la pappa reale è sceso a 19. Mentre con il placebo soltanto di 3 punti circa.

Anche se non è ancora chiaro come la pappa reale migliori i sintomi della menopausa, secondo i ricercatori potrebbe diventare un trattamento complementare, perché non presenta effetti collaterali. L’ipotesi più accreditata, spiegano gli scienziati, è che la pappa reale possa stimolare la produzione di testosterone, che potrebbe aiutare a creare estrogeni.

Tuttavia, conclude il team, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare ulteriormente gli effetti sui sintomi della menopausa.

Fonte: Ansa